Street

Love the World, collezione sostenibile di Desigual 675 900 Mida Sport

Love the World, collezione sostenibile di Desigual

Desigual inizia questo 2021 accelerando il suo impegno ambientale e presenta la collezione Love The World, i cui capi sono sostenibili al 100% e sono realizzati con fibre organiche, eco-compatibili e riciclate. Si tratta di una collezione permanente che avvicina i consumatori alla filosofia omonima, che comprende tutte le azioni promosse dall’azienda per ridurre il proprio impatto sociale e ambientale.

La prima proposta di Desigual per questa collezione sostenibile è una capsule di upcycling – poiché l’uso di materiali e oggetti è noto per creare altri oggetti di maggior valore -. Attraverso diversi scarti di jeans usati, disegnati e prodotti a Barcellona, ​​Desigual presenta questa collezione che rende omaggio al denim e si ispira alle origini del marchio e di capi come la Iconic Jacket. Giacche, gonne e abiti ci ricordano che la sostenibilità è anche il nostro stile, senza tempo e unico.

Desigual ha accelerato la propria Strategia di Sostenibilità e CSR nel 2020, con un piano triennale attraverso il quale allinea il proprio modello di business con l’obiettivo di ridurre l’impatto sociale e ambientale generato dalla propria attività durante l’intero ciclo di vita del prodotto. Per questo ha definito le proprie azioni e obiettivi sulla base di sei aree di lavoro che sono prodotto, fornitori, ambiente, dipendenti, clienti e comunità. E una delle sue priorità è rafforzare le collaborazioni e la partecipazione a quelle iniziative e organizzazioni che le consentono di avanzare nella sua strategia di sostenibilità.

Il lancio della collezione Love the World coincide con l’inizio dell’anno in cui Desigual fissa nuovi obiettivi in ​​relazione alla sua strategia di sostenibilità, come la riduzione della sua impronta di carbonio -per diventare un’azienda carbon neutral nel 2050-, e l’incorporazione fino al 30% di fibre sostenibili nelle sue collezioni entro il 2021 – con l’obiettivo di raggiungere il 50% entro il 2023 -. Inoltre, mantiene altri impegni come l’eliminazione della plastica monouso nel 2021 e la fornitura di cotone 100% più sostenibile entro il 2025.

Come spiega Clara Delmuns, Product Director di Desigual, “la materializzazione di Love the World in una capsule collection rende visibile un importante passo avanti in una strategia di sostenibilità su cui lavoriamo da anni. Continuiamo a lavorare per incorporare fibre sempre più sostenibili nelle nostre collezioni e migliorare la tracciabilità e la trasparenza della nostra catena di fornitura ”. “Raggiungere i clienti con questa collezione ci consente di condividere una filosofia in cui anno dopo anno aggiungiamo obiettivi più ambiziosi”, aggiunge Clara Delmuns.

In concomitanza con il lancio di questa collezione, la rete di negozi Desigual ha adattato tutta la sua segnaletica per eliminare la plastica e renderla riutilizzabile. Inoltre, smetti di stampare la tua rivista. Il primo numero della tua nuova rivista è una carta “piantabile” – contiene semi incorporati – che ti reindirizzerà a una versione digitale.

Partner internazionali
Desigual ha consolidato negli ultimi anni, e soprattutto nel 2020, la sua rete di collaborazioni e adesioni con organizzazioni e iniziative internazionali, come Textile Exchange, Sustainable Apparel Coalition (SAC) e Better Cotton Initiative. Attraverso queste alleanze, il marchio rafforza il suo impegno per aumentare l’uso di fibre sostenibili nelle sue collezioni e per una produzione più etica e rispettosa dell’ambiente.

L’azienda fa parte di Amfori e dallo scorso novembre è anche membro di Sedex, che le permette di misurare e migliorare giorno per giorno le performance sociali e ambientali della propria filiera attraverso i sistemi di audit BSCI e SMETA. Inoltre, ha reso pubblico l’elenco delle fabbriche di abbigliamento attive in tutto il mondo (fornitori Tier 1) che lavorano per Desigual e lo scorso dicembre ha annunciato la sua adesione a The Fashion Pact, un’alleanza globale di aziende dell’industria della moda e del settore tessile. che promuove una serie di pratiche con cui mitigare l’impatto della propria attività sull’ambiente -.

Alcuni dei nostri famosi brands 900 600 Mida Sport

Alcuni dei nostri famosi brands

Ea7

Emporio Armani 7, più notoriamente conosciuto come EA7. È la linea sportiva del marchio Emporio Armani nata nel 2004 e specializzata in abbigliamento sportivo tecnico di alta qualità. Per ammissione dello stesso Armani, il numero 7 si ispira ad Andriy Shevchenko, giocatore del Milan in quegli anni con la maglia numero sette. I capi EA7 inoltre sono realizzati in collaborazione con famose aziende specializzate nella produzione di capi tecnici e performanti per il nuoto, tennis, snowboard, fitness ed altri sport. La presenza del brand è predominante anche nel mondo sportivo. Sponsor ufficiale del CONI dal 2012, EA7 ha vestito la squadra olimpica a Londra 2012, Sochi 2014 e a Rio 2016 e la Olimpia Milano, squadra di pallacanestro della quale Armani detiene l’80%.

JACK & JONES

Oltre un quarto di secolo fa, abbiamo deciso di conquistare il mondo. Eravamo solo una manciata di ragazzi con la nostra prima collezione di jeans e una passione per il denim che non potevamo più nascondere.

Molti anni dopo, continuiamo a essere ragazzi come tanti e siamo sempre fissati con i jeans, ma strada facendo abbiamo aggiunto un po’ più di persone al nostro team. E sì, sappiamo che ci vuole più di un paio di jeans come si deve per coprire tutti i bisogni di un uomo e del suo guardaroba. Per questo motivo, copriamo l’intera gamma che va dall’abbigliamento sportivo urbano ai classici casual, agli abiti eleganti e agli accessori e alle calzature. In pratica, ti copriamo le spalle in qualsiasi occasione.

Ecco perché ci piace pensare che siamo più di un semplice brand. Siamo una fratellanza, un club, una comunità che ha in comune il denim. E, in questa comunità, abbiamo un solo obiettivo: esserci per gli altri ragazzi. Il nostro universo è un mondo privo di drammi, un’esperienza di shopping resa semplice. Un buon paio di jeans ed una bella atmosfera. Questa è la filosofia che sta alle spalle del nostro brand.

ONLY

ONLY is an international fashion brand for young women. Today, we are one of the leading denim brands in Europe. ONLY has turned its success into know-how and in-depth experience in both retail and wholesale and is sold in more than 4500 stores worldwide.

The ONLY girl always looks amazing in an effortless way! Fashion is her passion – a creative space where she can experiment with different attitudes, feels and looks. She’s not defined by a certain style, but by her playful attitude, take on life and fashion and by her love for denim.

REPLAY

Replay è un marchio italiano di abbigliamento denim e smart casualwear appartenente al Gruppo Industriale Fashion Box S.p.a. e registrato da Claudio Buziol nel 1978.

Il marchio è stato ideato del fondatore che lo vide sullo schermo durante una partita di calcio della Coppa del Mondo del 1978.

Claudio Buziol scompare nel gennaio 2005 a 47 anni. L’azienda, che ha 1100 dipendenti e più di 300 milioni di euro di ricavi, comincia a incontrare molte difficoltà. Nel dicembre 2009 il 50,49% di Fashion Box è rilevato da Equibox Holding, società controllata dai fratelli Matteo e Massimo Sinigaglia, imprenditori nel settore calzaturiero con Frog International (marchi Frog e Lulù) e figli di Paolo, ex presidente di Alpi Eagles e Veneto Sviluppo; i Sinigaglia sono già in affari con Fashion Box come licenziatari di Replay nelle calzature. Il restante 49,51% rimane alla famiglia Buziol.

La crisi economica contribuisce a mettere ancor più in affanno la società che comincia ad avere conti economici in rosso. Alla fine del 2015 la famiglia Buziol esercita l’opzione di uscita. L’uscita coincide con l’ingresso nel capitale di un gruppo calzaturiero cinese, quotato alla Borsa di Hong Kong, interessato alla gestione del marchio in tutto il continente asiatico.

BLAUER

Blauer USA è il marchio che custodisce e rinnova la tradizione del workwear americano.

Nato a Boston per fornire capi tecnici alla polizia, alla marina e ad altri corpi militari, oggi Blauer reinterpreta il concetto di uniforme nel mercato della moda, per vestire uomini e donne indipendenti, cosmopoliti e sensibili alla qualità, all’autenticità e alla ricerca di materiali pregiati e performanti.

La storia di Blauer è inestricabilmente legata a quella del sogno americano.

Fondata a Boston nel 1936 da Louis Blauer, l’azienda cominciò a commercializzare capi propri negli anni Cinquanta, sviluppando una giacca leggera da pioggia che fu adottata dall’esercito, dai marines e dall’aviazione.
Una ricerca costante su materiali, soluzioni e tagli sia per l’uomo che per la donna portò l’azienda a essere universalmente riconosciuta come il miglior produttore di uniformi per la pubblica sicurezza, una posizione di leadership che mantiene ancora oggi.
Nel 2001, la holding italiana di moda FGF Industry, guidata da Enzo Fusco, ha siglato un accordo di licenza con Blauer per introdurre il brand nel mercato della moda.
Dal 2017, il marchio è diventato per il 50% di proprietà di FGF.

Come scegliere il piumino? 6 consigli per trovare quello giusto! 900 900 Mida Sport

Come scegliere il piumino? 6 consigli per trovare quello giusto!

Se c’è un capo di cui in inverno nessuna di noi può fare a meno, quello è il piumino. Avvolgente, morbido, versatile: la giacca invernale per eccellenza, studiata per tenerci al calduccio con le più rigide temperature, è ormai un must-have da sfoggiare non solo in montagna, ma anche in città. Merito degli stilisti e delle It Girl, che hanno reso la puffer jacket – questo il suo nome fashion – un vero e proprio must-have.

Il piumino non ha mai smesso di essere il vero protagonista dei look invernali. Certo, c’è piumino e piumino – e non tutti sono ugualmente trendy, né tengono caldo allo stesso modo. Il prezzo elevato non ammette errori nella scelta. Ecco perché noi di Stylight abbiamo pensato di stilare per voi una breve guida su come scegliere il piumino per l’inverno. 5 consigli per trovare l’alleato di stile perfetto!

1. La qualità dei materiali è fondamentale

Nella scelta del piumino, è sempre meglio puntare su giacche trapuntate che siano imbottite a dovere con materiali di prima scelta. Piuma e piumino d’oca oppure in nuove fibre ecologiche e sostenibili sono ideali per essere sicure di stare al caldo. Attenzione alle cuciture e alle finiture: per spendere bene i nostri risparmi, puntiamo su capi di qualità e ben rifiniti, per non ritrovarci già a febbraio con piumini “spiumati”. La fodera esterna è bene che sia sempre idrorepellente: il nylon è perfetto, oltre che cool.

2. Un piumino tinta unita, che dura per sempre

Se vi accingete a comprare il vostro primo piumino di qualità, puntate su un colore neutro e adatto al daily look, come il nero, il blu o il bordeaux. Se invece lo avete già e cercate un altro alleato di tendenza, optate per un colore della terra: il beige, il nocciola, il terracotta. Per le amanti degli outfit athleisure, sono perfetti anche i piumini rossi, verde militare o blu accesso.  In ogni caso, meglio optare per un modello non troppo tecnico o vistoso, rigorosamente tinta unita, se vogliamo essere sicure di utilizzarlo il più possibile.

3. Piumino: corto o lungo?

Nella scelta del piumino per l’inverno, considerate sempre l’uso che dovrete farne. Se cercate una puffer jacket da sfoggiare su Instagram e nei vostri look più casual, optate per un modello corto e bombato. Se invece userete il piumino solo come giacca invernale per difendervi dal freddo, potete puntare su un piumino lungo, che garantisce la massima coprenza e “sigilla” il cappotto. Il modello più hot? In vinile!

4. Puffer sì, ma non troppo

La moda invernale da qualche stagione a questa parte ha decretato la supremazia della puffer jacket imbottita, dal taglio oversize, sul classico piumino sottile e lungo. Siamo tutte d’accordo che questo sia il modello più cool, ma è bene optare per un piumino non troppo over se vogliamo indossarlo per più inverni. Inoltre, la taglia maxi non dona a tutte: la via di mezzo, in questo caso, è d’obbligo!

5. Piumino: con cappuccio o senza?

Il cappuccio sul piumino è un’arma a doppio taglio: utilissimo certo, ma fastidioso e super sportivo. Oggi la puffer jacket che va per la maggiore ha un collo medio alto e la zip bene in vista. Il consiglio è quello di puntare su un modello con cappuccio staccabile o a scomparsa. Il cappuccio di pelo? Superato!

6. Il piumino vintage, il più hot!

Il piumino con il quale è impossibile sbagliare in questa stagione? Un modello che riecheggia quello protagonista del look dei mitici paninari anni Ottanta. Di media lunghezza, con la zip, in colori neutri, bold o color block, dal piglio vintage e sportivo insieme. Per un outfit revival iper cool!

LIU JO: LA STORIA DI UN BRAND DI SUCCESSO 900 600 Mida Sport

LIU JO: LA STORIA DI UN BRAND DI SUCCESSO

Chi di noi non ha mai acquistato o semplicemente accarezzato l’idea di possedere un accessorio, calzatura o capo d’abbigliamento della linea Liu Jo? Da anni ormai marchio di eleganza e simbolo della moda nel panorama mondiale, sogno per quasi tutte le donne, realizzazione concreta di chi in quel sogno ci ha creduto sin dal principio.

Storia

Nato da un’idea di Marco e Vannis Marchi intorno agli anni ’90, il marchio Liu Jo diviene in pochissimo tempo uno dei marchi di riferimento del panorama nazionale e internazionale. Partendo dal lancio del progetto stilistico Liu Jo, si espande poi aprendosi a nuovi mercati e nuove collaborazioni. Tantissimi sono stati i successi e i lanci di successo nel corso degli anni da i jeans Bottom Collection lanciati nell’anno 2008 che risulta di da subito essere una grandissima intuizione, diventando il punto di partenza per la creazione di un vero e proprio lifestyle che ha da quel momento riguardato tutti i settori dall’abbigliamento agli accessori alle calzature. Con il 2009 si acquisiscono anche le linee di underwear e beachwear, che contribuiranno da subito ad accrescere l’importanza e il lustro del marchio stesso. Nel 2010 nella famiglia Liu Jo viene accolta una nuova idea vincente, il brand esordisce con il mondo degli accessori introducendo le borse Liu Jo che diverranno da questo momento in poi protagoniste incontrastate, sui media e sulle passerelle, del mercato degli accessori di marca.

Vieni a scoprire tutto l’assortimento disponibile ed anche le tante promozioni sull’abbigliamento uomo, donna e bambino di Mida Sport!

Tutta la storia della Polo Lacoste 900 675 Mida Sport

Tutta la storia della Polo Lacoste

Lacoste: una polo che scrive la storia ed è suboto moda. Dall’idea di Renè Lacoste alle nuove palette ideate al passo con le stagioni e la moda contemporanea… Correva l’anno 1927 quando insieme ai famosi “Moschettieri” e alla Coppa Davis si concretizza la leggenda. Tenacia e costanza di Renè Lacoste, che si diceva, che proprio come il coccodrillo, non mollava mai la preda.

È stato allora che un amico gli disegna un alligatore con la bocca aperta che verrà subito sfoggiato sulla sua giacca bianca e neel 1933, la collaborazione tra lo sportivo, diventato leggenda, e un industriale di Troyes, Andrè Giller, esperto in maglia, nasce la primissima produzione in serie. Nasce la mitica polo L 1212: un codice che rimarrà impresso nella storia Lacoste e nella moda.

“Sempre sofisticata ed elegante la L.1212 sposa ogni circostanza con la semplicità e la naturalezza che la contraddistinguono. A seconda dell’umore e del momento diventa sportiva, chic e glamour!”

La polo rappresentò una vera e propria rivoluzione per i giocatori di tennis dell’ epoca, che a quei tempi indossavano camice classiche in ordito e trama a maniche lunghe. La prima Lacoste era bianca, leggermente più corta delle sue contemporanee, a maniche corte con colletto a coste e realizzata in tessuto leggero e areato… Tutte caratteristiche che ancora oggi la contraddistinguono rendendola unica.

Tanti i colori che raccontano nel tempo il famoso Coccodrillo, alla storica palette di colori base che tutti ricordano, Lacoste per ogni stagione aggiunge toni e sfumature che soddisfano le esigenze del momento. Da qui nascono gli scatti che mettono a confronto ieri con oggi e che regalano curiosità legate all’ iconica Polo Lacoste.

Questo sito Web utilizza i cookie per offrirti la migliore esperienza utente. Se continui a navigare, darai il tuo consenso per l'accettazione del nostro politica dei cookie